LUNEDì 18 Settembre 2017 - Aggiornato alle 08:45

Home » » Pensione, a 67 anni dal 2019. E nel 2050 a 70 anni

 

Pensione, a 67 anni dal 2019. E nel 2050 a 70 anni

ROMA - In pensione a 67 anni dal 2019 e quasi a 70 nel 2050. E' questo lo scenario messo in evidenza ieri dal presidente dell'Istat Giorgio Alleva durante un'audizione in Commissione Affari Costituzionali alla Camera, nell'ambito dell'esame delle proposte di legge recanti modifiche all'articolo 38 della Costituzione per assicurare l'equità nei trattamenti previdenziali e assistenziali.

Il presidente dell'Istat ha sottolineato che l'accesso al trattamento pensionistico si sposterà sempre più avanti. Considerando gli scenari demografici, Alleva ha delineato "la futura traiettoria dei requisiti d'accesso al pensionamento".

"Dai 66 anni e 7 mesi in vigore per tutte le categorie di lavoratori dal 2018 si passerebbe a 67 anni a partire dal 2019 - ha evidenziato - quindi a 67 anni e 3 mesi dal 2021. Per i successivi aggiornamenti, a partire da quello del 2023, si prevede un incremento di due mesi ogni volta, con la conseguenza che l'età pensionabile salirebbe a 68 anni e 1 mese dal 2031, a 68 anni e 11 mesi dal 2041 e a 69 anni e 9 mesi dal 2051".

Il presidente dell'istituto di statistica ha spiegato poi che i laureati italiani fanno fatica a inserirsi nel mondo del lavoro rispetto alle generazioni che li hanno preceduti: "Nonostante la ripresa dell'occupazione in atto - ha affermato Alleva - le condizioni del mercato del lavoro rappresentano un elemento di criticità per le storie contributive delle nuove generazioni, caratterizzate da carriere lavorative discontinue e da un ingresso sul mercato del lavoro differito rispetto a quanto sperimentato dalle precedenti generazioni".

"In Italia oltre tre quarti della forza lavoro della fascia 15-34 anni è costituita da giovani che hanno 25 anni che - ha evidenziato - avendo completato gli studi si affacciano sul mondo del lavoro". Si tratta, ha detto Alleva, di "generazioni che rischiano di non avere una storia contributiva adeguata con importi pensionistici più bassi".

Il presidente dell'Istat ha quindi messo l'accento sul lavoro precario o atipico, sottolineando che "la quota di lavoratori temporanei, già in partenza più consistente fra i giovani, aumenta dal 1997" e che, "tra il 2008 e il 2016, nella classe 15-34 anni, la quota di dipendenti a termine e collaboratori aumenta di 5,6 punti: dal 22,2% al 27,8%".

Secondo i dati snocciolati da Alleva, infine, anni e anni di studio non servirebbero a scongiurare il lavoro precario: "L'occupazione atipica al primo lavoro cresce all'aumentare del titolo di studio - ha concluso - essendo pari al 21,2% per chi ha concluso la scuola dell'obbligo e al 35,4% per chi ha conseguito un titolo di studio universitario".

(06 Lug 2017 - Ore 13:50)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Guardami (foto Elisa La Malfa)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy