Home » » Marina di Cerveteri, il treno passa ma non si ferma

 

Marina di Cerveteri, il treno passa ma non si ferma

Disagi questa mattina per centinaia di pendolari diretti a Roma. Il macchinista del regionale veloce ha saltato la fermata 

CERVETERI - Vedersi sfrecciare davanti il treno da prendere senza però riuscire a salirci sopra. È quanto accaduto questa mattina a un centinaio di pendolari in attesa sulla banchina per Roma Termini. Il 2335, il regionale veloce proveniente da Pisa Centrale ha saltato la fermata di Marina di Cerveteri. Secondo le testimonianze di diversi pendolari rimasti in banchina, il convoglio si sarebbe fermato successivamente a qualche centinaio di metri al di fuori dalla stazione ferroviaria. In molti avevano sperato che il macchinista accorgendosi dello sbaglio tornasse indietro permettendo così la salita e discesa dei passeggeri. Ma niente da fare. Dopo circa cinque minuti il treno ha ripreso il suo viaggio verso la vicina stazione di Ladispoli. Per i pendolari in stazione non è rimasto altro da fare che aspettare il convoglio successivo, arrivato in stazione con oltre 20 minuti di ritardo. Conseguenza di ciò: pendolari infuriati per il ritardo accumulato. Purtroppo non sarebbe la prima volta che i regionali, in particolar modo quelli veloci (provenienti dunque da Pisa Centrale) saltino qualche fermata. Era successa la stessa cosa alla stazione ferroviaria di Ladispoli, con il treno successivamente riprogrammato, almeno in un caso, per consentire la discesa dei passeggeri a Maccarese dove ad attendere i pendolari c'era il convoglio diretto a Civitavecchia che aveva così consentito loro di tornare indietro. Intanto da Fs proprio nei giorni scorsi era stata lanciata la conciliazione paritetica nel trasporto regionale, per "risolvere le piccole controversie con l'azienda di trasporto del gruppo Fs in maniera facile e senza ricorso a vertenze legali", avevano spiegato. La procedura dovrebbe diventare operativa già dai primi mesi del 2020. "La conciliazione paritetica - spiegano da Fs - permette ai clienti, che ritengono di non aver trovato adeguata soddisfazione al proprio reclamo o a una richiesta di indennizzo, di farsi rappresentare da un’associazione di consumatori per cercare una mediazione con Trenitalia e una positiva risposta alla loro richiesta. Avviato nel 2009 nel comparto dei treni a lunga percorrenza e giudicato una best practice a livello europeo, l’istituto della conciliazione paritetica di Trenitalia ha visto crescere in maniera esponenziale (+15% medio all’anno) il numero di domande presentate e ammesse e ha raggiunto nel 2018 un 95% di esiti positivi, con l’accettazione delle proposte formulate dalla commissione di conciliazione. I tempi di risoluzione delle controversie si attestano a 38 giorni dalla presentazione della domanda". 

(23 Dic 2019 - Ore 11:26)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy