SABATO 24 Agosto 2019 - Aggiornato alle 20:57

Home » » Confindustria, un piano in 4 mosse per trasformare l’Italia

 

Confindustria, un piano in 4 mosse per trasformare l’Italia

Accelerazione per la Pubblica Amministrazione digitale, informatizzazione delle imprese, sviluppo delle reti 5G

Sviluppo delle competenze per il lavoro che cambia, accelerazione del Piano triennale per la Pa digitale, trasformazione digitale delle imprese; sviluppo reti 5g e banda ultralarga. Passa da questi quattro “pilastri fondamentali” il Piano straordinario per il digitale lanciato da Confindustria Digitale in occasione del convegno ‘Investire, Accelerare, Crescere’, una iniziativa realizzata in collaborazione con Luiss Business School. 
“Investire nella trasformazione digitale del Paese, raddoppiando le risorse finanziarie e umane per l’attuazione del Piano Triennale per la digitalizzazione della Pa”. Ma non solo. “Il senso ed i termini della nostra proposta” di Piano straordinario per il digitale, ha spiegato il presidente dì Confindustria Digitale, Cesare Avenia, puntano anche “sull’accelerazione di con una governance del digitale chiara e autorevole, sulla crescita utilizzando la trasformazione digitale per migliorare il rapporto debito/Pil”.
Avenia ha parlato quindi di “una misura strutturale da inserire sin dalla prossima manovra finanziaria”. Nell’aprile i lavori, il direttore della Luiss Business School, Paolo Boccardelli, ha messo in evidenza come “sviluppare infrastrutture e puntare sul digitale” sia “cruciale per un Paese che ambisca ad essere competitivo a livello locale e globale: incentivarli è la più importante manovra economica che potrebbe fare il nostro Paese”. È fondamentale - ha scandito Boccardelli - diffondere la cultura del digitale, fare formazione a tutti i livelli, creare figure con nuove competenze e cittadini digitali del futuro”. 
L’Italia oggi “non ha una strategia complessiva per le competenze digitali che invece sarebbe fondamentale per ridurre il divario digitale e ampliare l’inclusione sociale», ha aggiunto Boccardelli, che ha evidenziato come nell’indice di digitalizzazione dell’economia e della società (Desi) della Commissione Europea per il 2019, l’Italia si collochi al 26esimo fra i 28 Stati membri dell’UE nella categoria “Capitale umano” con oltre metà della popolazione che non possiede competenze digitali di base. 
Una carenza che, ha indicato infine Boccardelli, “si riflette anche in un minore utilizzo dei servizi online, dove si registrano ben pochi progressi, sia da parte dei cittadini che delle Pmi che rappresentano l’ossatura del nostro capitalismo”.

(20 Lug 2019 - Ore 14:07)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy